.
Annunci online

Lo yogurt e il suo limone
13 ottobre 2005
Tra me e me.
Ma lui ti piace?
Bè è simpaticissimo.
Simpaticissimo? Allora non ti piace. Perchè non ti piace?
Non è che non mi piace, ma c'ha le mani tozze, è un pò basso, è cicciottello, i capelli sò strani, non mi piace come si veste, il modo che ha di parlare, gli atteggiamenti che ha...però è simpatico.

Solo che quando gli ho spiegato che non è il mio tipo mi ha detto "addio". Addio? Ma che siamo all'asilo? E poi un altro sms "Ti dico una cosa, mi sarebbe piaciuto frequentarti.." Ma decidi caro mio. E poi che modo di corteggiare. Oh se a me no piace, non piace e basta..può fare pure un passo volante carpiato senza rete di sicurezza.




permalink | inviato da il 13/10/2005 alle 21:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa
27 settembre 2004
Non mi basta..
...immaginarti.



permalink | inviato da il 27/9/2004 alle 0:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
17 giugno 2004
L'amico del sud.
E' che ogni volta che ci sentiamo sono sane risate. Poi stasera con la parlata da settentrionali, certo che facciamo proprio ridere. Mia madre mi ha chiesto perchè stavo parlando in quel modo, con così tutte le vocali aperte. E poi m'immagino di vederti, come sarà bello quest'estate. Io lo so.  Anche tu lo sai.



permalink | inviato da il 17/6/2004 alle 22:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (26) | Versione per la stampa
15 giugno 2004
Ricordi.
Sono uscita ad accompagnare mia mamma a fare spesa. Mentre guiodavo un ciclista mi si è buttato davanti, l'ho investito. Si è fatto malissimo. Poverino. Mi dispiace. Io volevo fermarmi, ma la macchina non ha frenato e così sono scappata a casa. Mi sono nascosta nell'armadio e ho detto a mia madre di dire a chiunque avesse telefonato che non ero in casa, che ero partita..qualunque cosa, pur di non vedere nessuno. Stavo male per quello che avevo fatto, ero colpevole. Poi mi sono svegliata. Hei era un sogno.



permalink | inviato da il 15/6/2004 alle 21:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa
18 febbraio 2004
E sono due...
Son già due volte, da quando sono tornata da lavoro che mio zio mi chiama. E' un pò acciaccato, la solita influenza. E' nervoso, confuso per via di tante cose. Ma io sono felice che mi ha cercata....



permalink | inviato da il 18/2/2004 alle 20:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
28 gennaio 2004
Confessioni 2.

Ci andò in comunità...ci restò 5 anni! Dopo i primi 6 mesi potevamo andare a trovarlo...tutta gente come lui...gente che aveva smesso, ma che aiutava gli altri....poi anche lui ha fatto così!Poi è tornato a casa da noi... Non ha mai avuto donne, o meglio non ha mai portato nessuna ragazza a casa, nessuna ragazza che amava! Il Natale dell'anno scorso è stato il + brutto della mia vita, lui iniziava a non stare bene, accusava dei sintomi che non avrei mai voluto fossero quegli stessi sintomi di cui avevo sentito parlare a scuola! Mia mamma parte e torna giù....fu ricoverato in ospedale, reparto infettivo, sapevo cos'aveva...ma fingevo, fingevo di non capire! Aspettavo ogni sera notizie...telefonai mia mamma "Grà....zio ha l'aids!..non piangere!" Da quel giorno il mio cuore batte anche per lui...da quel giorno continuo a pregare per lui....il suo colore non è più lo stesso....la sua pelle è invecchiata..... Non ci penso...e non voglio capire, voglio tornare a quando avevo 6 anni...a quando lo vedevo ridere senza sapere il perchè! Proprio quando si era preso la sua rivincita sulla vita, proprio adesso che ha una donna che lo ama, che vuole sposarlo, proprio adesso che ha deciso di vivere.....la vita non vuole dargli soddisfazione e lo spegne...e io sono qui lontana 1000 km di distanza...io sono qui e non posso fare niente...solo pregare...e adesso piangere...




permalink | inviato da il 28/1/2004 alle 20:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (36) | Versione per la stampa
28 gennaio 2004
Confessioni 1.

E così, finalmente capii, ne avevo sentito parlare a scuola, sapevo che era una cosa da cui tenersi lontani, ma non pensavo che avesse toccato la mia famiglia! " Si droga da quando aveva 14 anni, non sapeva cos'era...a quei tempi nessuno ti spiegava che dovevi starci lontano da quella roba, purtroppo una ragazza più grande di lui l'ha incuriosito e lui è cascato!", disse mia madre.... Mio fratello iniziò a piangere, ricordo ancora il suo viso....io non volevo crederci. Poi ci raccontò tutto, era stato anche in carcere, quando era ragazzo, e quella volta espresse il desiderio che io non dovevo mai saperlo. Il giorno della partenza era quasi arrivato, domani sarebbe andato via, sapevo che andava in comunità e che per molto tempo nn avremmo potuto vederlo. Il giorno prima di partire era sparito, nessuno sapeva dov'era....erano tutti agitati..eppure era stato lui a decidere di volersi curare.... Dov'era?! Nel bel mezzo della notte squilla il telefono, mia madre risponde..era lui, voleva ke lei lo andasse a prendere alla stazione... Andai con mia madre per non farla uscire di notte da sola...., quando lui entrò in macchina, sembrava stesse dormendo, aveva gli occhi piccoli, rossi, lucidi.....io lo sapevo adesso il perchè!!! Fingevo di non sapere nulla, mi disse "domani parto x l'America, non ci vedremo per un pò, ma tu e tuo fratello non dovete piangere, io vado a lavorare!" Non dissi niente....mi bastava quel silenzio, piangevo e lui non poteva accorgersene minimamente! Non si accorgeva più di niente....


Continua.




permalink | inviato da il 28/1/2004 alle 20:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
28 gennaio 2004
Confessioni.

Ricordo quando ero piccola, lo vedevo addormentarsi a tavola, dopo ke avevamo finito di cenare..ogni tanto mi kiedeva di fargli dei massaggi, ma avevo le mani troppo piccole e io salivo con i piedi sulla sua skiena, quando lui si sdraiava...... Mi faceva stare tanto tempo ferma per farmi un ritratto, e io gli chiedevo che forse era meglio se prendeva una mia foto, ma lui mi diceva di non muovermi! Io ogni tanto lo vedevo strano, sapevo soltanto che non stava bene, ma non immaginavo cosa potesse avere! Ricordo un giorno..stavamo andando a fare spese e lui accompagnava mia mamma e mia zia...io avevo 6 anni... Lo guardavo dallo specchietto, vedevo i suoi occhi chiudersi, e dicevo a mia mamma che avevo paura, e lei urlava di fermarsi, di darle la macchina e ke l'avrebbe guidata lei....! Piangevo..... e non capivo....ero piccola, troppo piccola! Si fermò e parcheggiò quasi in mezzo alla strada, disse che sarebbe tornato subito...ci mise un pò, ma quando tornò era diverso, allegro, felice, ed io ero + serena..almeno sarei arrivata a casa! Dopo mangiato si sentì male, iniziò a tremare e vomitare...si mise a letto....nel mio letto....era sommerso dalle coperte, io piangevo, non capivo....! Ogni tanto sentivo parlare i "grandi", li sentivo dire che lui doveva curarsi, che non poteva continuare così... Volevo capire, visto che ormai si era deciso che lui sarebbe partito.... Mia mamma cercò di spiegare a me e mio fratello, con parole che ancora adesso, se ci penso, sono come una lama che entra nelle carni....parole dure, parole vere.....parole giuste che non potevano essere diverse!

Continua.




permalink | inviato da il 28/1/2004 alle 20:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

 

Se un giorno potessi non sbagliare,
magari potrei anche dormire
accanto ai tuoi occhi che sono la cosa più
giusta e più vera che Dio mi dà.



Saprai che non t'amo e che t'amo,
perchè la vita è in due maniere,
la parola è un'ala del silenzio,
il fuoco ha una metà di freddo.
Io t'amo per cominciare ad
amarti,
per ricominciare l'infinito,
per non cessare d'amarti mai:
per questo non t'amo ancora.
T'amo e non t'amo come se avessi
nelle mie mani le chiavi della gioia
e un certo destino sventurato.
Il mio amore ha due vite per amarti.
Per questo t'amo quando non t'amo e
per questo t'amo quando t'amo.

 

"Schhhhh, non parlare, se quello che devi dire
non è meglio del silenzio..."